Liceo Classico MARCO POLO, Ecipa, IVESER, coop PLACE

 

PASSEGGIATA ALLA GIUDECCA

alla scoperta di alcuni luoghi storici dell'isola e del loro

utilizzo attuale come patrimonio vivo della città.

 

 

 

 

Il ritrovo iniziale è alla fermata Palanca, alle ore 9.30 di sabato 22 maggio 2010.

La passeggiata sarà guidata da tre allieve del Liceo Marco Polo (Sofia Adami, Mariachiara Ardolino, Giorgia Serpani) che stanno curando una pubblicazione ad hoc. Nel corso della passeggiata incontreremo alcuni testimoni che vivono e lavorano nei luoghi visitati che ci racconteranno le loro trasformazioni e le attività che ora vi si svolgono. Itinerario:

 

Il Convento di Cosma e Damiano, splendida struttura storica che ora ospita spazi per attività culturali ed espositive, una residenza per artisti, l'archivio Luigi Nono e varie attività artigianali. Testimone Francesco Fracassi, presidente Artisti Artigiani Associati;

 

Ex CNOMV, un'area che da grande giardino provato (nel '700) ha subito varie trasformazioni: da importante cantiere navale nei primi anni del '900 fino alla destinazione attuale che comprende un incubatore di imprese e il Consorzio cantieristica Minore. Il primo è sede di imprese innovative e che attira i giovani knowledge workers; il secondo è una sorta di mini distretto dell'artigianato nautico che ha contribuito non poco all'occupazione e alla promozione della cultura legata alle imbarcazioni tradizionale veneziane. Testimoni: Federico Sambuco, amministratore delegato di Magnolia SrL e il comandante de “www.ilbragozzo.it/” che ci traghetterà alla tappa successiva sul suo bragozzo a vela.

 

L'ultima tappa è Villa Heriot, una della due magnifiche ville con giardino che si affaccia alla laguna sud costruite negli anni '20 da m.me Douine-Hériot in stile pseudo bizantino-veneziano, ora sede dell'IVESER (Istituto veneziano per la storia della Resistenza). Marco Borghi, il direttore, ci presenterà la biblioteca specializzata in storia del '900, e le numerose attività dell'istituto legate alla recupero, conservazione e diffusione delle memoria storica del '900 veneziano.

 

La fermata PALANCA è raggiungibile: • da S. Marco con i battelli n. 42 o n. 2; • dalle Zattere con il battello n. 2; • da Piazzale Roma o Ferrovia con i battelli n. 41 o n. 2 (10 minuti). Durata della passeggiata, compreso il tragitto a vela: circa 3 ore, dalle 9.30 alle 12.30 – 13.00

 

Crea/Mostra articolo Crea/Mostra articolo

 

 Investiamo per il Vostro Futuro

Il progetto

Una passeggiata patrimoniale consiste in un breve itinerario effettuato all'interno di un determinato territorio, in cui si visitano luoghi significativi (edifici storici, luoghi di lavoro, ecc.) facendo particolare attenzione alla loro storia recente e ai segni che questa ha lasciato nel presente. Vengono coinvolti testimoni, cioè persone che vi hanno vissuto o vi vivono, vi hanno lavorato o vi lavorano.

da: Un Faro Per venezia

 

Gli allievi sono stati impegnati nella realizzazione di un progetto operativo, con l'assistenza di un tutor e di esperti/consulenti che li hanno aiutati a realizzare alcune evidenze formtive, cioè una serie prodotti finali  (compreso questo sito)  che dimostrino gli apprendimenti realizzati nel corso del lavoro. Il progetto ha provisto il partenariato di un organismo di formazione continua, una scuola e una più aziende o  associazioni o enti di cultura. Il ruolo di questi ultimi consiste nel rendere significativo il lavoro di apprendimento collegandolo a obiettivi organizzativi reali dei parners. 

Il progetto si è basato sul successo ottenuto dalle passeggiate patrimoniali progettate e realizzate dal gruppo di lavoro “Diritto al patrimonio culturale” attivo nell'ambito della rete cittadina 40xVenezia e In particolare si riferisce alle passeggiate realizzata nel 2009 alla Giudecca che ha permesso ai veneziani riscoprire  una parte poco nota della loro stessa città, della sua storia e della sua evoluzione e della sua vita attuale.

  • La progettazione delle passeggiata ha comportato un notevole lavoro preparatorio che ha prodotto documenti, fotografie, filmati, contatti con la popolazione residente e una notevole risposta della città in termini di interesse, partecipazione e nuove proposte. Questi materiali sono però rimasti allo stato grezzo e risultano poco accessibili.
     
  • Gli allievi si sono impegnati nelllo sviluppo delle documentazione specialmente attravesro la realizzazione di una serie di interviste video a testimono privilegiati, cha hanno racconatato la storia di alcuni luoghi signicativi della Giudecca attraverso la loro esperienza personale.
     
  • Parte dei materiali prodotti saranno anche rielaborati  in modo da poter essere facilmente pubblicati e diffusi sul web nei siti dei partners o attraverso le grandi reti sociali di condivisione ormai consolidate.
     
  • Gli allievi hanno realizzato una riedizione della passeggiata aperta a  studenti, ai loro familiari e atutta la cittadinanza in modo da sperimentare in prima persona la natura del lavoro di promozione e diffusione culturale e le competenze necessarie per svolgerlo al meglio. Questa attività avrà anche valore di diffusione dei risultati raggiunti.
     
  • Nel corso del progetto gli allievi sono stati invitati a partecipare ad eventi pubblici che collegati aal tema del progetto in modo da poer fare esperienza del lavoro di rete che queste iniziative richiedono.
     
  • Il lavoro degli studenti è stato assistito da un consulente esperto di metodologie formative e organizzazione del lavoro “per progetti”, e si è avvalso del contributo degli esperti/consulenti indicati dai partners su tematiche specifiche. Non sono state previste ore d'aula.
     
  • Il liceo Marco Polo ha curato la selezione degli allievi, il monitoraggio e le valutazione del lavoro in termini di crediti formativi scolastici e di certificazione delle competenze secondo i criteri ECVET (European Credit system for Vocational Education and Training).
     
  • Il lavoro degli allievi è stato completato dall'adattamento di parte dei materiali prodotti in modo che siano utilizzabili con facilità nei siti web dei partners a scopo di diffusione.

Tutto il lavoro si è svolto tra febbraio e giugno 2010